Sono una scrittrice esordiente. Sin da giovanissima mi sono cimentata a scrivere racconti. Qui ho trovato uno spazio dove esprimermi, dove postare i miei racconti in attesa del vostro giudizio, ma anche un luogo dove parlare di libri o semplicemente per raccontarvi della mia esperienza come scrittrice; a volte mi permetterò anche di divagare, per fermare un’idea o un momento. Ad ogni modo sarà un luogo dove imparare a scrivere e dove esercitarmi: un taglia e cuci di parole, proprio come un atelier!

domenica 26 aprile 2015

6#UnMotivoPerLeggere - È un'attività che puoi fare in famiglia

Molti pensano che leggere sia un'attività solitaria, da fare da soli. Per lo più è così, ma non è una verità assoluta. La lettura può diventare un momento di condivisione in famiglia. E non solo quando la coppia è impegnata a leggere lo stesso libro e si confronta, analizzando la trama ognuno dal proprio punto di vista. Penso, invece, a quando un genitore legge un libro ai propri figli. Basta spegnere la televisione, rannicchiarsi tutti insieme sul divano o accucciarsi su un tappeto e aprire un libro.
Quale occasione migliore per stare insieme ai propri bambini che leggergli un libro? L’unico neo è che devi adeguare le letture alle loro esigenze e, se sono piccoli, passerai alcuni anni a leggere solo fiabe, ma è un’ottima occasione per fare una cosa che ti piace e dedicare loro tempo di qualità. Per me è un momento magico. I bambini stanno tranquilli, ascoltano storie e sono felici perché il genitore è davvero lì con loro e non diversamente affaccendato o con la testa persa da un'altra parte. È vero, a volte non si riesce a leggere dalla prima all'ultima parola; spesso i piccoli interrompono la scorrere delle parole o perché non hanno capito o perché vogliono anticipare l'azione o perché hanno semplicemente bisogno di una pausa a quel flusso di suoni, ma è davvero tempo ben speso: attraverso le storie i piccoli crescono e i genitori imparano a conoscere meglio i propri figli e a interagire con loro.
Leggere ad alta voce può essere anche un modo per dar compagnia ad un anziano. Anche se non è ammalato ha gli occhi stanchi e fatica molto sulle pagine di un libro, anche se coadiuvato dagli occhiali. Apprezzerà molto il gesto e magari è l'occasione per farsi raccontare qualche ricordo assopito.
Insomma, leggere ai propri famigliari è un modo per passare fruttuosamente tempo insieme e dimostrare loro quanto li amiamo.

4 commenti:

  1. Leggere ai propri figli è davvero bellissimo, un privilegio. Mio figlio adesso ha 18 anni e legge da solo i suoi libri, ma abbiamo passato 14 anni fantastici, io a leggergli storie e lui a tirarne fuori scherzi e scenette. Non ho mai letto a mia madre, ma credo che invece di risvegliare ricordi assopiti farei assopire lei... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho tono piuttosto monotono quando leggo ad alta voce. Ma prima o poi faro un corso di lettura!

      Elimina
  2. Condivido in pieno ogni affermazione sulla lettura. I nostri figli hanno bisogno che gli leggiamo storie, è il modo migliore per nutrire la loro immaginazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nutrire la loro immaginazione dedicandogli il nostro tempo: per me è un binomio perfetto!

      Elimina