Sono una scrittrice esordiente. Sin da giovanissima mi sono cimentata a scrivere racconti. Qui ho trovato uno spazio dove esprimermi, dove postare i miei racconti in attesa del vostro giudizio, ma anche un luogo dove parlare di libri o semplicemente per raccontarvi della mia esperienza come scrittrice; a volte mi permetterò anche di divagare, per fermare un’idea o un momento. Ad ogni modo sarà un luogo dove imparare a scrivere e dove esercitarmi: un taglia e cuci di parole, proprio come un atelier!

sabato 11 maggio 2013

Dove pubblicare i propri racconti


Ammettiamolo, scriviamo perché sentiamo la necessità di raccontare qualcosa e quindi per essere letti. E una volta scritto il proprio racconto la domanda sorge spontanea: come lo pubblico?
Ci sono diversi modi per pubblicare, analizziamoli uno per uno.
1-      Apriare un blog. Ritengo sia il modo più semplice. Chiunque può aprirne uno, a costo zero. Ci sono molte piattaforme che vi regalano uno spazio, proponendovi modelli predefiniti. Insomma, pochi minuti e potete postare tutto quello che volete e quanto volete. Il bello di questo modo di pubblicazione è che il contatto con il lettore è diretto, in quanto questi può commentare il vostro lavoro e, se affrontate le critiche con lo spirito giusto, potreste ricevere suggerimenti utili per la vostra scrittura.
Alcune piattaforme: Wordpress, Blogger.
2-      Partecipare a concorsi. Ci sono piccole case editrici che periodicamente lanciano concorsi la cui finalità è la realizzazione di una raccolta di racconti. Attenzione però al tema: non inviate il racconto che avete nel cassetto se questi non è attinente! Ovviamente non avete la garanzia della pubblicazione, ma in caso affermativo potreste avere la conferma del vostro valore come scrittori. L’importante è scegliere con cura i concorsi. Personalmente evito i concorsi a pagamento, non per “tirchiaggine”, ma per evitare gli specchietti per allodole e cadere nella trappola di sedicenti concorso la cui vera finalità è quella di fare cassa.
Alcune case editrici serie che lanciano questo tipo di concorsi:Sognatori 
3-      L’auto-pubblicazione. Questo sistema è un po’ più impegnativo, perché bisogna avere a disposizione una raccolta di racconti, uno solo non è sufficiente. In questa categoria ci sono sia gli e-book sia i libri in carta e copertina. Anche qui ci aiuta il web. Ci sono diversi siti che permettono di realizzare i propri volumetti, anche in pochi click. Infine, ci sono le tipografie tradizionali, ma queste sono molto costose e poi bisogna pensare da soli alla distribuzione della propria raccolta.
Dove trovare servizi di auto-pubblicazione: Lulu (libri tradizionali e e-books), Calameo (solo e-book)
4-      Riviste specialistiche. Ci sono ancora riviste specialistiche che pubblicano racconti di scrittori esordienti. In questo caso l’importante è seguire le regole imposte da ognuno: modalità di invio, formato, eventuale tagliando a dimostrazione dell’acquisto della rivista, modulo di richiesta, ecc. Poi bisogna armarsi di pazienza e attendere (spesso invano) di ricevere un cenno di conferma. Questo tipo di pubblicazione è il più ambito: in caso di pubblicazione cresce l’autostima dello scrittore e può essere sfoggiato nel proprio curriculum. In compenso, però, è un genere un po’ di nicchia e non raggiunge il grande pubblico.
Alcune riviste: Writer’s Magazine, Toilet.

Ovviamente i nomi di editori, siti web e riviste che ho citato qui sopra sono solo alcuni esempi delle possibilità offerte, questi sono dati dalla mia personalissima esperienza, quelli che ho incontrato e conosciuto in questi anni, ma sarei felicissima di implementare gli elenchi. Non vi rimane che inviarmi la vostra segnalazione e provvederò ad aggiornare il post.
Mi piacerebbe, inoltre, conoscere le vostre personali esperienze: avete tutto lo spazio che volete nei commenti qui sotto.

17 commenti:

  1. Esistono diversi social network che permettono la pubblicazione e la condivisione dei racconti...

    Ad es.
    20lines: http://it.20lines.com/
    shortales: http://shortales.net

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il contributo. Andrò al più presto a darci un'occhiata.

      Elimina
  2. Noi accettiamo proposte di racconti, da sottoporre al comitato di valutazione e, se approvati, pubblichiamo sulla nostra rivista letteraria Inkroci e lo traduciamo anche in inglese, se l'autore non è in grado, perché siamo una rivista bilingue. Scrivendo a info@inkroci.it, mandiamo le regole di partecipazione.
    Lara Gregori (caporedattore)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso che accogliere l'invito!

      Elimina
  3. Commenti o recensioni in tempo reale le:
    http://aspirantescrittoreesordiente.forumcommunity.net/?t=58606707

    RispondiElimina
  4. Molto interessante, grazie per le informazioni. Sono una scrittrice bilingue e cercavo informazioni per i miei racconti in italiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissima di esserti stata utile!

      Elimina
  5. Grazie dei consigli! Io pubblico sul sito www.letturedametropolitana.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che il post sia utile. E grazie della segnalazione, era un sito che non conoscevo.

      Elimina
  6. grazie a te Kinsy!

    RispondiElimina
  7. Francamente io non credo più in nulla, ho letto tante di quelle scempiaggini che, mi hanno fatto capire che in questo speciale mondo esiste il denaro,le conoscenze e basta. Io scrivevo da quando ero ragazza, la mia vita ebbe un corso fuori tempo ma ripresi il ritmo inviando i miei scritti dall'estero cui mi rispondevano che era tutto chiuso per 3,4, e più anni.Sena contare ciò che chiedono a pagamento editori, supposte agenzie letterarie,editing del cui ultimo ho un ricordo assai deludente.Non leggono neppure gli scritti! La tragedia è che questa gente venga pubblicizzata da GOOGLE.Saluto Kinsy e chi legge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so chi sei, ma ti sento tanto amareggiata. Però se hai la passione per scrivere, non demordere.

      Elimina
  8. Questo è il link al mio racconto....https://bloccaistante.blogspot.com/

    RispondiElimina
  9. Io ho avuto modo di pubblicare una mia storia breve su breviautori.it. Li indicono molti concorsi e se il raccoto piace perlomeno mantengono la promessa di pubblicartelo.
    L'unica fregatura consiste nel fatto che, essendo un'organizzazione no-profit, se vuoi portarti a casa la prova del tuo successo devi comprarti da te il libro o il numero di libri che in caso vuoi regalare a parenti o ad amici.
    Per il resto... fatto bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per questa informazione. Non conosco questo sito, ma ora vado a dargli un'occhiata. ;-)

      Elimina
  10. Ciao.Mi piace scrivere. Ho fin qui pubblicato diversi racconti e critiche letterarie su Il Pickwick. Si possono leggere sotto ENRICO BREGA, il mio nome. Mi piacerebbe pubblicare anche su altri webmagazine interessati.
    Grazie per l'attenzione e cordiaali salutti.

    Enrico Brega

    RispondiElimina