Sono una scrittrice esordiente. Sin da giovanissima mi sono cimentata a scrivere racconti. Qui ho trovato uno spazio dove esprimermi, dove postare i miei racconti in attesa del vostro giudizio, ma anche un luogo dove parlare di libri o semplicemente per raccontarvi della mia esperienza come scrittrice; a volte mi permetterò anche di divagare, per fermare un’idea o un momento. Ad ogni modo sarà un luogo dove imparare a scrivere e dove esercitarmi: un taglia e cuci di parole, proprio come un atelier!

domenica 29 marzo 2015

2#UnMotivoPerLeggere - Il segnalibro

Quando leggo, una cosa che non mi può proprio mancare è il segnalibro. Non importa come sia fatto, basta anche un fogliettino ripiegato su sé stesso, l'importante è che non debba sprecare minuti preziosi alla ricerca della pagina, tempo che dedico più volentieri alla lettura.
È indubbio, però che ci sono segnalibri davvero belli o altri ai quali siamo particolarmente affezionati. Si passa dai classici segnalibro in cartone o metallo dalla forma rettangolare alle più moderne creazioni dalle forme a volte improbabili, costruiti con materiali poveri o anche preziosi, quasi fossero gioielli.
Ci sono poi quelli che non sono nati per adempiere a questo scopo, ma che si sono adattati benissimo. Penso per esempio alle cartoline (che sono a rischio di estinzione come i panda) e tra questi le più preziose sono quelle di un amore lontano o la prima in assoluto che ci ha inviato nostro figlio.
Per i più creativi c'è anche la possibilità di realizzarselo da soli e non solo il veloce cartoncino dipinto a mano (e ritornando agli affetti personali: quello colorato dal bambino per il genitore!), ma anche progetti più impegnativi e d'impatto realizzati con bastoncini, origami, cartapesta. Ma vogliamo mettere la soddisfazione?! Sennò possiamo anche farcelo realizzare da qualche amico speciale.
Insomma, con tanta varietà, come non possederne uno? Ma se non lo si usa è inutile... bisogna leggere!

5 commenti:

  1. A me piacciono i post-it colorati, ne uso vari per ogni libro, così mi segno le pagine che voglio rileggere, quelle che mi potrebbero tornare utili per il blog, e ovviamente, l'ultima pagina letta.

    RispondiElimina
  2. Bello! Il libro alla fine deve avere un aspetto di un volume amato e fatto proprio!

    RispondiElimina
  3. Faccio collezione di segnalibri, li compero quando vado in giro e riciclo spesso etichette di abiti o altro a questo scopo. Mi piace in particolare che il colore/soggetto/materiale del segnalibro richiami in qualche modo la copertina e/o il contenuto del libro. Mi fa molta allegria scegliere il segnalibro per iniziare una nuova lettura! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci avevo pensato che il segnalibro potesse essere abbinato al colore della copertina... e sì che sono quasi maniaca in fatto di abbinamenti!
      Quanti segnalibri hai collezionato?

      Elimina
    2. Non sono il genere di collezionista che conta i pezzi! Ne ho un raccoglitore pieno, potranno essere un centinaio. Ogni tanto faccio un ripulisti e butto via i peggiori. Già questo mi fa uscire dalla categoria dei collezionisti DOC, credo. ;)

      Elimina