Sono una scrittrice esordiente. Sin da giovanissima mi sono cimentata a scrivere racconti. Qui ho trovato uno spazio dove esprimermi, dove postare i miei racconti in attesa del vostro giudizio, ma anche un luogo dove parlare di libri o semplicemente per raccontarvi della mia esperienza come scrittrice; a volte mi permetterò anche di divagare, per fermare un’idea o un momento. Ad ogni modo sarà un luogo dove imparare a scrivere e dove esercitarmi: un taglia e cuci di parole, proprio come un atelier!

domenica 22 marzo 2015

1#UnMotivoPerLeggere - Viaggi in mondi lontani

I viaggi possono essere fisici o mentali. Per i primi bisogna spostarsi fisicamente da un luogo all’altro, a piedi, in bicicletta, in macchina, in treno, in aereo o con la nave, e spesso servono anche molti soldi. Per i secondi basta un buon libro e si può andare lontano in pochi minuti senza limiti e senza i problemi legati ai viaggi fisici (bagagli, ritardi dei mezzi, stanchezza fisica, ecc.).
Attraverso le parole scritte, siano esse di un romanzo, di un saggio o un reportage, si viene catapultati in mondi nuovi, magici, insoliti oppure rivivere luoghi che si erano già visitati e i cui ricordi erano archiviati nel nostro cervello. Mai capitato di leggere un romanzo ambientato in un posto visto tanti anni prima ed esclamare “Ah! Già!” e poi rivivere quel viaggio quasi dimenticato, ripercorrendone le stesse emozioni?Altri luoghi, invece, dove non siete mai stata prima potrebbero diventarvi familiari grazie alle parole del romanziere.
Un vantaggio indiscusso è che puoi intraprendere un viaggio ogni volta che vuoi, anche se non hai ferie o soldi. Puoi pure intraprendere viaggi in luoghi pericoloso, spaventosi o terrificanti, senza però rischiare la tua incolumità.Per i luoghi immaginari, poi, non c’è limite.
E non sono viaggi passivi, non dovete subire ciò che vi viene propinato, come accadrebbe con la tv, perché solo la lettura innesca quei meccanismi mentali che rendono ogni singola lettura unica: ogni panorama, ogni oggetto, ogni persona che lo scrittore descrive, viene interpretato ed elaborato dalla mente in modo differente da ciascun lettore. Per ogni pagina descrittiva ci sono infinità di luoghi possibili. Anche lo stesso lettore, a distanza di tempo, rileggendo quelle stesse parole le rivede in modo differente.
Allora, che dite, vi va di fare un bel viaggio?
Bene, prendete un buon libro, accomodatevi in poltrona e… buon viaggio! 

2 commenti:

  1. Certe volte penso che potrei smettere di scrivere, ma non smettere di leggere. Da qualche tempo viaggio anche molto con la saggistica e con la letteratura di viaggio (appunto!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quelli sono i viaggi più immediati, ma mai provato la rievocazione che sa rendere una piccola descrizione suggestiva all'interno di un romanzo?
      E... neanch'io potrei mai smettere di leggere!

      Elimina