Sono una scrittrice esordiente. Sin da giovanissima mi sono cimentata a scrivere racconti. Qui ho trovato uno spazio dove esprimermi, dove postare i miei racconti in attesa del vostro giudizio, ma anche un luogo dove parlare di libri o semplicemente per raccontarvi della mia esperienza come scrittrice; a volte mi permetterò anche di divagare, per fermare un’idea o un momento. Ad ogni modo sarà un luogo dove imparare a scrivere e dove esercitarmi: un taglia e cuci di parole, proprio come un atelier!

mercoledì 1 agosto 2012

C’É DEL MARCIO di Jasper Fford



Ho amato tutti i libri di Fford e questo non fa eccezione, anche se è decisamente il meno bello dei quattro. Forse per il fatto che sembra l’ultimo capitolo saga e dà l’impressione di voler rincorrere tutte le questioni rimaste aperte nelle precedenti puntate (anche se in realtà si vocifera che ci sia un quinto volume in fase di traduzione). Mi piacciono molto i romanzi di Fford, perché ti prendono per mano e ti accompagnano in un mondo parallelo fatto di libri e letteratura, di personaggi immaginari e protagonisti di libri famosi che interagiscono con persone reali.
Continuano per la quarta volta le avventure della detective letterari Thusday Next, che stufa di vagare per i libri come leader di Giurisfiction decide di tornare a Swindon, sua città natale e reale. Ma si trova in una realtà molto diversa da quella lasciata due anni prima: la multinazionale Goliath Corporation aspira a diventare una religione, capace di plasmare la mente delle persone; un potente politico, uscito da un libro non molto noto, cerca di proclamarsi dittatore, intraprendendo una campagna contro la Danimarca e i danesi; per salvare il mondo dovrà far vincere la locale, e scarsa, squadra di crochet; Amleto e altri personaggi letterari si sono piazzati in casa di sua madre e non vogliono andarsene; qualcuno cerca di ucciderla e dal punto di vista privato deve crescere da sola un figlio di due anni che parla solo in Lorem Ipsum (un finto latino usato dai tipografi), mentre cerca di farsi ridare il marito,  “sradicato” per errore dalla CronoGuardia. E molte altre cose.

Ne hanno parlato anche:

Nessun commento:

Posta un commento